Home > Categoria 1 > “Tessuto non tessuto”: cos’è?

“Tessuto non tessuto”: cos’è?

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Che cos’è il “tessuto non tessuto” (TNT)? Ce lo state chiedendo in molti e una delle domande ricorrenti è quanto sia simile o derivante dalla carta.

Veniamo subito alla definizione: il “tessuto non tessuto” è un prodotto tessile caratterizzato dal fatto che la trama delle fibre è del tutto causale e differisce, quindi, dal tessuto “normale” che conosciamo, che invece possiede un incrocio regolare delle fibre.

Si tratta dunque di un tessuto, ottenuto però in modo diverso rispetto alle note tecniche industriali di tessitura e maglieria in cui le fibre hanno una struttura ordinata riconoscibile (dette “trama” e “ordito”). Il TNT è frutto di un ordinamento casuale delle fibre, che permette di ottenere diverse caratteristiche.

Caratteristiche del “tessuto non tessuto”

Prima di tutto il “tessuto non tessuto” è idrorepellente – dunque non viene alterato dal contatto con i liquidi – un’ottima resistenza a temperature alte e basse (per questo viene usato anche nelle serre o negli orti a protezione delle piante dal calore estivo o dal rigore invernale), una minore abrasività che lo rende piacevole da maneggiare e in un certo senso più morbido e delicato di un normale panno in fibre naturali.

Senza volerci lanciare in spiegazioni tecniche, possiamo quindi completare questa veloce definizione del TNT dicendo che negli ultimi tempi sono state scoperte e applicate nuove forme di trattamento e lavorazione a base di fibre sintetiche e di resine che, attraverso procedimenti non banali dal punto di vista chimico, lo rendono un prodotto poliedrico per le funzioni di utilizzo.

Il TNT è parente della carta?

Ma veniamo alla curiosità che in molti ci avete chiesto: il “tessuto non tessuto” è un parente della carta? Di base no, non si tratta di un parente stretto della carta (non è realizzato, infatti, a partire da fibre naturali), ma possiamo dire che un legame di parentela c’è. Infatti, le prime definizioni del TNT lo consideravano come il risultato di una particolare lavorazione della carta, che avrebbe poi portato a oggetti che – pensandoci bene – spesso ci appaiono come vie di mezzo tra carta e altro: tovaglie usa e getta, stoviglie usa e getta, etc

Redazione

Redazione
Blogger, contributor e appassionati di due mondi: editoria e libri.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×