Home > Recensioni > Narrativa > “Colpa delle stelle” di John Green

“Colpa delle stelle” di John Green

Ha diciannovemila recensioni su Amazon, con una valutazione media di cinque stelle. Si chiama “Colpa delle stelle” e l'adattamento cinematografico ha appena conquistato il grande schermo, diventando velocemente il più popolare film tra quelli usciti negli ultimi tempi. Il cancro è una malattia terribile. Ci sono una miriade di storie dietro la tragedia e molte di loro rimangono indicibili. In “Colpa delle stelle” John Green costruisce una storia fuori dalle tenebre e dalla disperazione. Il libro ruota intorno a due personaggi adolescenti che stanno combattendo una battaglia comune contro il cancro. Hazel, che narra la storia, ha sedici anni e…

Score

Trama
Ritmo
Personaggi
Incipit
Bonus della Redazione

Da leggere!

Conclusione : Nonostante qualche critica, è un libro che tiene incollato il lettore dalla prima all'ultima pagina.

Voto Utenti : 0.7 ( 1 voti)
87
2 Flares Twitter 0 Facebook 1 Google+ 1 2 Flares ×

Ha diciannovemila recensioni su Amazon, con una valutazione media di cinque stelle. Si chiama “Colpa delle stelle” e l’adattamento cinematografico ha appena conquistato il grande schermo, diventando velocemente il più popolare film tra quelli usciti negli ultimi tempi.

Il cancro è una malattia terribile. Ci sono una miriade di storie dietro la tragedia e molte di loro rimangono indicibili. In “Colpa delle stelle” John Green costruisce una storia fuori dalle tenebre e dalla disperazione. Il libro ruota intorno a due personaggi adolescenti che stanno combattendo una battaglia comune contro il cancro. Hazel, che narra la storia, ha sedici anni e ha i polmoni così gravemente danneggiati dal cancro che deve sempre essere collegata ad una fonte di ossigeno per poter respirare. Anche se i farmaci tengono sotto controllo la sua malattia, lei sa che le restano solo anni, non decenni, di vita. Un giorno, frequentando un gruppo di sostegno ai malati di cancro organizzato dalla chiesa parrocchiale, incontra Augustus che ha diciassette anni ed è in fase di recupero da osteosarcoma.

Hazel e Augustus si piacciono subito e iniziano una storia d’amore, che si accende anche grazie al libro preferito di Hazel: un’afflizione imperiale per l’autore immaginario Peter Van Houten. Questo libro descrive così da vicino la sua vita che per lei è come se fosse la Bibbia, il libro che meglio descrive la realtà come lei stessa la vive ogni giorno. Poiché Van Houten ha volutamente lasciato il libro incompiuto, il suo sogno è quello di andare in Olanda per incontrarlo e scoprire il finale della storia, cosa è successa davvero ai personaggi del romanzo.

Augustus riesce quindi a portare Hazel ad Amsterdam e farle incontrare il fantomatico Van Houten. Scopriranno che l’uomo è un nevrotico, frustrato e alcolizzato. Ma il viaggio serve a rafforzare il loro amore, a vivere la storia con la leggerezza di due adolescenti spensierati. Ma Augustus in verità da qualche tempo appare preoccupato. Scopriranno il motivo proprio al loro ritorno in America.

La storia non è esattamente macabra, ma nemmeno tanto leggera. Leggendo “Colpa delle stelle” non è facile capire – andando oltre una risposta iniziale – il reale motivo per cui abbia suscitato una reazione così entusiasta da parte dei giovani lettori. Un possibile risposta è che Green non ha descritto gli adolescenti come sono, ma come vorrebbero essere percepiti. Chi da adolescente non voleva essere preso sul serio? Chi non aveva bisogno di credere che le grandi parole e pensieri profondi gli avrebbero dato una sorta di legittimità che altrimenti mancava? E questo è ciò che fa Green: crea personaggi che parlano come uomini di mezza età, con un background filosofico e un vocabolario tipico di persone molto più grandi di loro.

La vera attrazione è che i personaggi sono capaci di grandi pensieri. Esprimono grandi pensieri e formulano grandi concetti per comunicare. Green prende così tanto sul serio i suoi personaggi adolescenti da non farli cadere nella trappola della superficialità, da non potersi permettere di essere ossessionati da questioni banali. Questi sono personaggi alle prese con le grandi questioni della vita e della morte. In realtà, in questo libro c’è un rovesciamento di ruoli: i ragazzi sono complessi e i genitori appaiono poco profondi.

Se non lo avete ancora letto, siate pronti ad entrare in una storia di romanticismo e di rabbia, eccitazione e umorismo, amicizia e coraggio.

Redazione

Redazione

Blogger, contributor e appassionati di due mondi: editoria e libri.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

2 Flares Twitter 0 Facebook 1 Google+ 1 2 Flares ×